Il perchè di un logo

Oltre alla sua validità di bene  immateriale, il valore del logo Pugliachevai ha un valore intrinseco importante.

Pensato e ragionato per identificare la mission della cooperativa con un preciso stile di vita,
coniuga il principio del “logo denominativo” con quello del “logo figurativo”.

L’idea nasce dal proverbio: “paese che vai, usanza che trovi”, che vuole indicare l’opportunità di sapersi adattare al modo di vivere nei luoghi diversi da quelli della propria origine. E’ un’indicazione rivolta a quanti – e sono sempre di più – scelgono la Puglia come destinazione per un turismo eco-sostenibile ricco di offerte storiche, paesaggistiche, enogastronomiche.

Ma si tratta anche di un invito ai pugliesi a riconoscere e valorizzare le radici nel proprio
territorio. Un’esigenza tanto più avvertita nei bambini sempre più “distratti” da sollecitazioni che, con il pretesto della globalizzazione, tendono a omogeneizzare a basso livello valori, comportamenti e preferenze, anche e soprattutto nel campo alimentare.

Quindi un forte richiamo al proprio territorio. Nel nostro caso, alla Puglia.

Il logo riprende la silhouette della regione contornandola con il colore blu per definire l’estesa fascia costiera, mentre il marrone definisce i suoi confini di terra. Le sfumature di verde evidenziano invece le biodiversità presenti su tutto il suolo.

La ruota tipica del “traino” carro pugliese sottolinea un territorio sempre in “movimento”.

Il tratto morbido e moderno del design rappresenta con precisione la giusta promozione della mission della coop, per una maggiore leggibilità da parte del lettore, al quale viene suggerita l’interpretazione che sottende il logo:

PUGLIACHEVAI… PUGLIA  CHE TROVI, E FORSE NON TI ASPETTI

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Print this pageEmail this to someone